Archive for the ‘Istituto Europa Asia’ category

DOMINICK SALVATORE Economista dell’Università di New York – Incontro conviviale a Milano al Westin Palace sul tema:” TRUMP E IL PENSIERO DELLA POLITICA ECONOMICA AMERICANA SULLA SITUAZIONE ITALIANA

luglio 9, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

Cenacolo-Incontro, sotto l’egida di VALORE Excellence through People- Francesco Sansone – con l’economista statunitense DOMINICK SALVATORE che ha tenuto una relazione sul tema:”Trump ci porterà ad una guerra commerciale ed a una crisi finanziaria? Il pensiero della politica economica americana sulla situazione italiana”.
Ospite il Presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici.

Sede dell’incontro The Westin Palace Hotel in Piazza della Repubblica, 20 Milano.
Dominick Salvatore nasce in Italia. Trasferitosi con la famiglia negli Stati Uniti, prosegue gli studi a New York e si laurea in Economia. Dopo aver ricevuto un dottorato di ricerca diventa assistente, quindi professore associato alla Fordham University di New York ove poi diviene professore ordinario. In questa stessa università ha ricoperto la carica di direttore dal 1986 al 1992. È stato Presidente di Economia dell’Accademia delle Scienze di New York, dell’Associazione Nord Americana di Economia e Finanza, e della Associazione Internazionale del Commercio Internazionale.

Foto:
Dominick Salvatore con Achille Colombo Clerici
Dominick Salvatore con Achille Colombo Clerici

Annunci

Aspenia Talks – Aspenia 79mo numero, Edizione in lingua Inglese – Il futuro dell’energia: innovazione, tecnologia, geopolitica – Dibattito a Roma luglio 2018 nella sede di piazza Navona – Istituto Europa Asia informa

luglio 9, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

Il dibattito a Roma, nella sede dell’Aspen Institute in piazza Navona, in occasione dell´uscita del numero 79 di “Aspenia”, edizione inglese

Il futuro dell’energia: innovazione, tecnologia, geopolitica

La grande transizione energetica in atto è un fenomeno che va oltre l’aumento del peso delle fonti rinnovabili, per quanto questo sia fondamentale anche per evidenti ragioni ambientali. Il passaggio verso le rinnovabili procede per ora gradualmente, ma raggiungerà nei prossimi anni un punto di svolta che imprimerà ai cambiamenti già in corso una forte accelerazione quando il costo delle nuove fonti farà calare nettamente anche il valore degli idrocarburi. Le filiere dell’economica globale sono tuttora molto legate ai prezzi energetici, e i Paesi più dipendenti dall’export di materie prime fossili dovranno radicalmente modificare i propri investimenti, con un impatto significativo sul sistema bancario mondiale.
Se ne è parlato ad Aspenia Talks a “Il futuro dell´energia: innovazione, tecnologia, geopolitica”, organizzato da Aspen Institute Italia, in partnership con CESI, a Roma. E’ stato il ministro degli Affari Europei e vicepresidente di Aspen Institute Italia, Paolo Savona a chiudere il panel internazionale composto dalla comunità Aspen, da esperti e da personalità istituzionali. L´incontro, che si colloca nella serie “Aspenia Talks” in occasione dell´uscita del numero 79 di “Aspenia”, edizione inglese, prevedeva anche la partecipazione di Giulio Tremonti, presidente Aspen Institute Italia; Matteo Codazzi, amministratore delegato di CESI; Carlo Tamburi, direttore di Enel Italia; Gianni Girotto, presidente della Commissione Industria del Senato della Repubblica; John Hulsman, president di John C. Hulsman Enterprises; Nasser Saidi, chairman di Mena Clean Energy Business Council; Marta Dassù, direttore di “Aspenia”.

Ha moderato il dibattito Andrea Cabrini, direttore di CLASS CNBC.

E’ intervenuto in collegamento da Parigi Fatih Birol, executive director dello IEA.

L’innovazione in campo energetico si articola su diversi piani simultaneamente, dando vita a una combinazione davvero “disruptive”: nuove tecnologie digitali (con un ruolo crescente dell’Intelligenza Artificiale e del meccanismo blockchain); le “smart grid” che consentiranno un sempre migliore e costante coordinamento tra domanda e offerta; le capacità di maggiore stoccaggio (batterie di varie dimensioni) che permetteranno di aggirare il problema della discontinuità delle fonti rinnovabili; la disponibilità a prezzi contenuti di energia abbondante e pulita (dunque con minimo impatto ambientale) per individui e imprese.

La spinta delle tecnologie digitali sta rendendo molto rapide alcune di queste trasformazioni: non è facile prevedere con esattezza tempi e modalità dei prossimi passaggi, ma la direzione di marcia è piuttosto chiara e influenzerà la vita quotidiana di chiunque avrà accesso all’energia elettrica, vale a dire un numero di persone senza precedenti.
I fattori geopolitici complicano indubbiamente la transizione energetica: lo dimostrano, ad esempio, il raggiungimento di una sostanziale autonomia energetica da parte degli Stati Uniti nell’arco di pochissimi anni – grazie all’iniziativa privata e non all’intervento dello Stato – , il persistente uso di una sorta di “arma energetica” da parte dei maggiori produttori di idrocarburi, e il dinamismo della Cina sui mercati mondiali nonché in termini di investimenti tecnologici per assicurarsi le fonti necessari alla propria crescita accelerata. Anche in chiave geopolitica, comunque, importanti cambiamenti sono imminenti: le fonti rinnovabili sono potenzialmente ubique, e assai meno influenzate da elementi geografici, oltre a consentire strutture decentrate, e dunque una minore concentrazione anche di potere politico.
Gli interventi governativi e gli aspetti  regolamentari – nazionali e internazionali – restano un fattore spesso decisivo. L’Italia, che rimane legata strettamente al quadro europeo per le regole e le infrastrutture energetiche, presenta dei punti di forza oggettivi e delle vere eccellenze tecnologiche, ma soffre anche di alcuni ritardi nell’attuazione di linee programmatiche e di interventi infrastrutturali. La condizione necessaria per proseguire sulla strada dell’innovazione sostenibile è un buon equilibrio tra azione pubblica e iniziativa privata.

“Aspenia”, la rivista di Aspen Institute Italia diretta da Marta Dassù e Lucia Annunziata, è stata fondata nel 1995 per iniziativa di Aspen Institute Italia. Dal 2002 viene pubblicata da “Il Sole 24Ore” e ha una versione online sul sito di Aspen http://secure-web.cisco.com/1bEfNacDcmwDBglIy9NI8xLlojpB8QPGYG-bkFxp0IuJRigvcfYnjTIYOtsAbI5djWCrxyiab0BFTYsbfZ8g25KR7Zni_Qa9YgZXkcsePWaGXD26RasoTW2dTDZyHycHUGgcRB65OWRgLWSB6SBNxYc_k0sQFcJ2jm4omTiDmDBSjBD56maSrRGdXt9XztsxAkKR-BHGIldJxBfVdKFVadA/http%3A%2F%2Fwww.aspeninstitute.it%2Faspenia-online

“Aspenia” ha cadenza trimestrale in lingua italiana e semestrale in lingua inglese ed è venduta nelle maggiori edicole e librerie nazionali.  Il Comitato editoriale è composto da Giuliano Amato, Antonio Calabrò, Elio Catania, Ferruccio De Bortoli, Guido Gentili, Rahael Hadas-Lebel, Walter Isaacson, Gianni Letta, Arrigo Levi, Emma Marcegaglia, Francesco Micheli, Dominique Moïsi, Riccardo Perissich, Gianni Riotta, Carlo Scognamiglio, Giulio Tremonti.

Foto:
Giulio Tremonti con Achille Colombo Clerici pres. Istituto Europa Asia

Giulio Tremonti con Giampio Bracchi e Achille Colombo Clerici

Livia Pomodoro, dieci anni alla Direzione del “Teatro Spazio No’hma Teresa Pomodoro”- Celebrazione in piazza, tutta la città festeggia – QN Il GIORNO del 6 luglio 2018 – Istituto Europa Asia IEA informa

luglio 9, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

 

Livia Pomodoro, dieci anni alla Direzione del “Teatro Spazio No’hma Teresa Pomodoro”- Celebrazione in piazza, tutta la città festeggia

*    *    *

 

QN Il GIORNO del 6 luglio 2018 –

————-

Festa per i dieci anni di direzione del Teatro No’hma di Livia Pomodoro; con musica e danze di tutto il mondo in Milano, via Orcagna 2 “Celebriamo l’eredità di Teresa Pomodoro” Festa per i dieci anni di attività del Teatro No’hma, sotto la presidenza e direzione artistica di Livia Pomodoro.

Tra danze da tutto il mondo e musica dal vivo, coordinamento artistico del regista Charlie Owens, lo spettacolo evento ha fatto ballare via Orcagna con il gruppo Capoeria Oxossi Milano, mentre all’interno del Teatro e nei i suoi giardini si sono esibiti il gruppo Rob Carrieri and the Nattyroots, tamburi africani e note jazz.

Hanno accompagnato la musica e la danza immagini e videoproiezioni sull’ultimo decennio di storia del teatro fondato nel 2000 da Teresa Pomodoro, sorella di Livia “I successi del teatro – spiega Achille Colombo Clerici presidente di Assoedilizia – sono anche il frutto di quanti hanno creduto nel talento di Teresa”

“Noi fratelli. La profezia del dialogo tra cristianesimo e islam” Libro di Giancarlo Mazzuca e di Stefano Girotti Mazzotti – Presentazione al Centro Culturale di Milano – Istituto Europa Asia informa

luglio 9, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute
Informa

Il libro “Noi fratelli” di Mazzuca e Girotti Mazzotti presentato al Centro Culturale di Milano
LA CONOSCENZA RECIPROCA BASE DEL DIALOGO TRA CRISTIANESIMO E ISLAM

Giunge in un periodo non facile il libro di Giancarlo Mazzuca e di Stefano Girotti Mazzotti “Noi fratelli. La profezia del dialogo tra cristianesimo e islam”. (Mondadori) presentato all’Auditorium del CMC-Centro Culturale di Milano, storica istituzione cittadina – tanto che la prefazione di papa Bergoglio ringrazia i due giornalisti “per aver affrontato il tema della fratellanza tra cristiani e musulmani… Siete stati audaci e al tempo stesso realisti”- con l’obiettivo di ridurre la serie degli equivoci e dei pregiudizi che separano soprattutto oggi il mondo cristiano da quello islamico. Chi sa, per citare, che la prima religione degli immigrati in Italia è quella ortodossa (1.600.000 fedeli) mentre quella islamica è soltanto seconda (1.400.000)?

Giancarlo Mazzuca è giornalista, scrittore e membro del Consiglio di amministrazione della Rai; Stefano Girotti Zirotti è giornalista e vicecaporedattore Rai Vaticano

Ma l’ignoranza dei due mondi rispetto all’altro – nella quale sguazza la politica più deteriore – ha ben altre dimensioni. Noi riteniamo l’islam un mondo omogeneo e sostanzialmente ostile, lo stesso avviene dall’altra parte.  In realtà cristianesimo e islam presentano un mosaico che rende difficile il dialogo all’interno stesso dei due mondi (ne è testimonianza indiretta la scelta, a Milano, di non realizzare una sola grande moschea, ma sei moschee più piccole anche per rappresentare le diverse sensibilità religiose).

Il libro ne narra, con la scrittura divulgativa ma documentata dei buoni giornalisti che la rende accessibile a tutti, la storia: assieme a guerre e persecuzioni, periodi di incontro e di dialogo, come lo scambio di ambascerie e di doni tra Carlo Magno e il califfo Harun al-Rashid, la «missione» di san Francesco presso il sultano, la tolleranza religiosa nella Spagna andalusa. Fino ai giorni molto più recenti che, aggiungiamo, videro per secoli la convivenza pacifica nel mondo arabo di islamici, cristiani ed ebrei prima che considerazioni geopolitiche innescassero una serie di conflitti e il sorgere del terrorismo.

E’ indispensabile che gli uomini e le donne di buona volontà siano in grado di purificare la religione, ogni religione, dalle incrostazioni che nel corso dei secoli possono averla ridotta a strumento di violenza e dominio, anziché di condivisione e di servizio.
E’ il senso dell’incontro tra  Papa Francesco e Ahmed al Tayyeb, Grande Imam di al-Azhar, l’Università del Cairo che rappresenta il cuore, intellettuale e religioso, dell’islam sunnita, come appare nella foto in copertina; e il costante rapporto ad altissimo livello con l’islam sciita testimoniato dalle interviste del Cardinale Jean Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, e della guida spirituale Mohammad Majed Jamei, ex ambasciatore della Repubblica Islamica dell’Iran nei difficili anni novanta.

Ed è proprio la voce cattolica il principale strumento in grado di gettare nuovi ponti tra l’Europa cristiana e l’islam del dialogo,  bloccando fin che siamo in tempo ciò che, fomentato da altri interessi, potrebbe diventare una guerra di religione. Che, storia insegna, di religioso ha ben poco.

Alla presentazione del libro hanno partecipato, oltre agli autori: Camillo Fornasieri, direttore del CCM che, assieme a don Davide Milani, già responsabile comunicazione dell’Arcidiocesi milanese, hanno porto i saluti ai relatori: Venanzio Postiglione, vicedirettore del Corriere della Sera; Asfa Mahmoud, Casa della Cultura musulmana di via Padova, Milano; mons. Luca Bressan, Vicario Episcopale Ecumenismo e dialogo dell’ Arcidiocesi di Milano.  Ha introdotto il dibattito Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano, ha coordina Rolla Scolari, giornalista de La Stampa.

Foto

– Giancarlo Mazzuca con il presidente IEA Achille Colombo Clerici
Giancarlo Mazzuca con il presidente IEA Achille Colombo Clerici

– Colombo Clerici con Mons. Luca Bressan e don Walter Magnoni della Curia di Milano
Mons. Luca Bressan e Don Walter Magnoni con Achille Colombo Clerici

– Colombo Clerici con Venanzio Postiglione
Venanzio Postiglione con Colombo Clerici

NO’HMA, TEATRO Dieci anni di Livia Pomodoro – Teresa Pomodoro e la sua passione per il teatro, nel ricordo di Achille Colombo Clerici – Istituto Europa Asia informa

luglio 5, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

Questa sera in via Orcagna musica e danze da diversi Paesi del mondo
I DIECI ANNI DI NO’HMA, TEATRO LIBERO ORGOGLIO DI MILANO

Questa sera a partire dalle ore 21 si festeggeranno i 10 anni di attività del Teatro No’hma sotto la presidenza e direzione artistica di Livia Pomodoro. Tra danze da tutto il mondo e musica dal vivo, con il coordinamento artistico del regista Charlie Owens, lo spettacolo evento si aprirà lungo tutta la via Orcagna – zona piazza  Piola-Lambrate – con il gruppo Capoeria Oxossi Milano, mentre all’interno del Teatro e nei i suoi giardini si susseguiranno il gruppo Rob Carrieri and the Nattyroots, i tamburi africani accompagnati dalla danza di Bakh Yaye Diamm proveniente dall’Africa dell’Ovest di tradizione griot, ed infine le note jazz del gruppo Trio Naima.
 Ad accompagnare la musica e la danza, immagini e videoproiezioni ripercorreranno questi 10 anni di storia del Teatro. L’evento è a ingresso libero con prenotazione.

Fondato nel 2008 da Teresa Pomodoro, No’hma ha presentato 350 spettacoli di autori italiani e stranideri, 700 alzate di sipario, mezzo milione di spettatori non paganti. Il Teatro è nato dal felice occasionale incontro di Teresa Pomodoro con una stazione in disuso dell’erogazione dell’acqua potabile milanese, diventata un punto fermo, nel panorama culturale nazionale e internazionale, da cui si irradia cultura, elaborazione artistica e teatrale.

Dieci anni sono stati un viaggio attraverso la vita, verso una forza radiosa e vibrante che tenta di superare muri impenetrabili, che persiste all’interno di uno spazio magico, quello che Teresa dedicò alla città di Milano. È qui che corpo e mente ancora oggi si fanno teatro. Lo Spazio Teatro No’hma è un “luogo” identitario, punto di riferimento per la città e il suo territorio. Teatro libero e gratuito, un’immersione etica che punta diritta al cuore della società attraverso una straordinaria pluralità di espressioni artistiche, dalla musica alla drammaturgia alla poesia,  uno spazio-luogo di sperimentazione continua, una felice fusione e contaminazione di linguaggi.

Tra gli eventi annuali di maggior rilievo il “Premio internazionale Teatro Nudo” che porta sul palco compagnie nuove per l’Italia e il “Dono per Milano”, con serate di grandi artisti.

Commenta Achille Colombo Clerici pres. di Istituto Europa Asia e Assoedilizia: “E’ con soddisfazione ed orgoglio che assisto a questo importante evento celebrativo del decennio di gestione del Teatro da parte di Livia Pomodoro.  Se solo penso che quanto avviene oggi,  con i successi e gli impegni cui è giunto il Teatro, è anche il frutto di quanti hanno creduto nel talento di Teresa, la sorella di Livia, fondatrice di No’hma, e l’ hanno seguita in tanti anni di lavoro. Io fui uno di questi. Quando ancora non c’era nulla, fu in casa mia che si tenne una delle primissime esibizioni teatrali di Teresa. Arrivò con Lei una troupe di attori, aiuti registi, operatori dell’illuminazione e del suono. Si materializzò sotto i nostri occhi, in un battibaleno, un teatro vero e fu subito successo. Da allora quanti anni sono passati…”

Foto
Livia Pomodoro con Achille e Giovanna Colombo Clerici
Livia Pomodoro con Achille Colombo Clerici 

Livia Pomodoro con Achille e Giovanna Colombo Clerici 2

“Independence Day” celebrazione del 242mo Anniversario 2018 – Consolato Generale USA – Milano Museo della Scienza e della Tecnica – Istituto Europa Asia informa

luglio 4, 2018

Istituto Europa Asia
EUROPASIA
Europe Asia Institute

Informa

MILANO HA CELEBRATO LA FESTA DELL’ INDIPENDENZA USA

Prima celebrazione del Console Generale USA Signora Elizabeth Lee Martinez a Milano.

La Festa Nazionale degli Stati Uniti d’America si è svolta quest’anno al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, nella sala del Transatlantico Conte Biancamano.

Quest’anno si  celebrava il 242° Anniversario  del Giorno dell’ Indipendenza americana.

Invitati dal Console Generale Signora Elizabeth Lee Martinez  e dal Consorte Signor Don Pohlman, moltissimi membri della numerosa comunità statunitense di stanza a nella nostra città, i rappresentanti della Milano delle istituzioni pubbliche e private, dell’ imprenditoria, della cultura, della politica dell’economia,  tra i quali il Presidente di Assoedilizia e dell’ Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici, i rappresentanti del Corpo Consolare della Lombardia, nonché numerosi Consoli che risiedono nella nostra città, ed esponenti delle comunità ebraica ed islamica.

Brindisi di auguri, taglio della torta e l’esibizione del coro Checcoro, il primo coro LGBT di Milano, che “sostiene e promuove una cultura dei diritti sociali e civili per tutti”.
Eseguiti gli Inni nazionali statunitense e italiano.
Simbolicamente,  l’amicizia, anche culturale, che lega l’Italia e gli Stati Uniti.

Il Console Generale USA Signora Elizabeth Lee Martinez, ha fatto gli onori di casa, pronunciando una prolusione di saluto ai presenti ed a tutta la cittadinanza.
Interventi degli Assessori al Comune di Milano Filippo del Corno e Pierfrancesco Maran.

Foto:
–  Il Console Generale USA Signora Elizabeth Lee Martinez con Achille Colombo Clerici
Il Console Generale USA Signora Elizabeth Lee Martinez con Achille Colombo Clerici

– Achille Colombo Clerici con Roberto Jarach
Achille Colombo Clerici con Roberto Jarach

– Achille Colombo Clerici con Gianvico Maria Camisasca
Achille Colombo Clerici con Gianvico Maria Camisasca
– Achille Colombo Clerici con Patrizia Signorini
Achille Colombo Clerici con Patrizia Signorini

Hospitality Forum di Scenari Immobiliari – ANCHE NEL SETTORE ALBERGHIERO L’ITALIA ARRANCA – Istituto Europa Asia informa

giugno 29, 2018

Informa

 

 

Sia pure nel contesto di dati positivi comunicati a Milano da Hospitality Forum di Scenari Immobiliari
ANCHE NEL SETTORE ALBERGHIERO L’ITALIA ARRANCA

Si calcola che circa 18 milioni di turisti europei abbiano disertato le spiagge di alcuni Paesi del Mediterraneo per motivi di sicurezza: l’Italia ne ha “intercettato” solo un milione, gli altri hanno preferito Spagna, Grecia, Francia. Inoltre, in un contesto 2017 – ma destinato a continuare anche quest’anno – di incremento di presenze e fatturato, arranchiamo dietro i nostri competitors tradizionali. Come al solito, verrebbe da dire. Anche nel campo alberghiero ed extraalberghiero.  Responsabilità tutta nostra, di troppe strutture piccole, di basso livello ed a conduzione familiare, di una burocrazia asfissiante e di incertezza su norme e tempi, ostacoli ad ogni investimento; nonostante l’Italia resti il primo potenziale obiettivo di importanti capitali stranieri. L’altro lato della medaglia è rappresentato dalla quota minoritaria di turisti che al megapolo alberghiero preferisce una ricerca di unicità e personalizzazione oltre a elementi esperienziali ed espressione del territorio. Sono in genere i turisti più colti ma minoritari, appunto.

Lo afferma il Rapporto 2018 di Scenari Immobiliari redatto in collaborazione con Castello sgr presentato a Milano in occasione di “Hospitality Forum”. Il Rapporto ha rilevato transazioni immobiliari albergherie per 2,75 miliardi di euro (in termini di immobili scambiati con contratti di vendita o locazione in Italia nel 2017), pari ad un incremento del 14,6% rispetto al 2016.   Il mercato dovrebbe mantenere lo slancio fino a fine 2018, con una crescita attesa del fatturato di circa il 13% su base annua, mentre per il 2019 si stima un rallentamento, sebbene ancora in territorio positivo.

Il mercato immobiliare alberghiero europeo nel 2017 ha registrato un andamento in controtendenza rispetto al trend globale, con un aumento dei volumi transatti del 22% rispetto al 2016 (fonte Hvs), arrivando a 21,7 miliardi di euro, mentre a livello globale ha segnato una flessione di circa il 10%, raggiungendo un ammontare complessivo di 58 miliardi di euro (fonte Rca). Il numero complessivo di stanze compravendute nel continente è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2016, circa 133mila camere per ogni anno, ma il volume totale transato più elevato (erano 17,5 miliardi nel 2016) è dovuto a una qualità media delle strutture più alta, comportando un leggero innalzamento del valore medio a camera.

L’ammontare complessivo di stanze interessate nelle transazioni avvenute in Italia nel 2017 si stima sia di poco inferiore alle novemila camere, con una concentrazione maggiore per le strutture 4 stelle, seguite dai 5 stelle. La quota maggioritaria va alle “altre destinazioni”, catalizzate principalmente dai villaggi turistici scambiati sia in montagna che al mare.

Il programma e gli intervenuti.

Saluti e Introduzione a cura di Giampiero Schiavo – Castello Sgr;

Presentazione del Rapporto 2018 a cura di Francesca Zirnstein – Scenari Immobiliari

Saluto istituzionale  a cura di Giorgio Palmucci – Confindustria  Alberghi

 

IL MERCATO DELL’HOSPITALITY: LA PAROLA AGLI OPERATORI

  • Chema Basterrechea Radisson Hotel Group
  • Graziano Debellini TH Resorts
  • Silvio Maresca Bluserena
  • Jean-Claude Ghiotti B&B Hotels Italia
  • Roberto Micciulli IHC—Italian Hospitality Collection
  • Palmiro Noschese Melià Hotels International

Ha moderato: Paola Dezza – Il Sole24Ore

 

QUALI OPPORTUNITA’ PER IL COMPARTO ALBERGHIERO. LE OPINIONI DEGLI OPERATORI
A cura di Francesca Zirnstein – Scenari Immobiliari

PUBBLICO E  PRIVATO, QUANTO DA FARE?  AMMINISTRAZIONI E INVESTITORI A CONFRONTO

  • Barbara Argiolas Regione Autonoma Sardegna
  • Roberta Guaineri Comune di Milano
    Alessandro Belli CDP Investimenti Sgr
    Federico Oliva York Capital Management
    Giampiero Schiavo Castello Sgr

Ha moderato i lavori Mario Breglia – Scenari Immobiliari.