Archivio per aprile 2014

RIFORMA CATASTO – Convegno Assoedilizia 29.4.2014 – MONITORIMMOBILIARE intervista l’Avv. Bruna Vanoli Gabardi

aprile 30, 2014

RIFORMA CATASTO 
Convegno Assoedilizia 29.4.2014
MONITORIMMOBILIARE intervista l’Avv. Bruna Vanoli Gabardi

link: http://www.youtube.com/watch?v=t7oqni71m9I&list=UUiZt0SC_jHYZZsKXZW1SOSA

 

Annunci

RIFORMA CATASTO – FOTO GALLERY Convegno Assoedilizia Milano 29 aprile 2014

aprile 30, 2014

Colombo Clerici intervistato da Monitor Immobiliare
Colombo Clerici intervistato da Monitor Immobiliare

Colombo Clerici intervistato da Monitor Immobiliare 2

Colombo Clerici intervistato da Monitor Immobiliare 3

Colombo Clerici intervistato da Monitor Immobiliare 4

Ugo Friedmann, Achille Colombo Clerici, Antonio Iovine
Ugo Friedmann, Achille Colombo Clerici, Antonio Iovine

Ugo Friedmann, Bruna Vanoli Gabardi, Achille Colombo Clerici
Ugo Friedmann, Bruna Vanoli Gabardi, Achille Colombo Clerici

Achille Colombo Clerici, Saverio Fossati
Achille Colombo Clerici, Saverio Fossati

Tavolo dei relatori
Il tavolo dei relatori

Tavolo dei relatori 2

Pubblico

Paolo Radice, Federico Filippo Oriana, Antonio Piccolo
Paolo Radice, Federico Filippo Oriana, Antonio Piccolo

pubblico 2

Tavolo dei relatori 3

Achille Colombo Clerici intervento
Achille Colombo Clerici

Achille Colombo Clerici intervento 3

Tavolo relatori 4

relatori
Alcuni dei relatori

Bruna Vanoli Gabardi, Achille Colombo Clerici, Saverio Fossati
Bruna Vanoli Gabardi, Achille Colombo Clerici, Saverio Fossati

Saverio Fossati
Saverio Fossati

Antonio Iovine
Antonio Iovine

Ugo Friedmann
Ugo Friedmann

Tavolo relatori 5

Tavolo relatori 6

Tavolo relatori 7

Tavolo relatori 8

Paolo Radice
Paolo Radice

Antonio Iovine 2
Antonio Iovine

Tavolo relatori 10

Tavolo relatori 11

Massimo De Angelis
Massimo De Angelis

Massimo De Angelis 2

Antonio Piccolo
Antonio Piccolo

Antonio Piccolo 2

Tavolo relatori 12

Bruna Vanoli Gabardi
Bruna Vanoli Gabardi

Ugo Friedmann 2
Ugo Friedmann

Tavolo relatori 13

Federico Filippo Oriana
Federico Filippo Oriana

Tavolo relatori 14

Relatori saluti

Relatori saluti 2
Antonio Iovine, Achille Colombo Clerici
Antonio Iovine, Achille Colombo Clerici

Flavio Tresoldi
Flavio Tresoldi

Tavolo relatori 15

Tavolo relatori 16

Tavolo relatori 17

Enrico Viganò
Enrico Viganò

Federico Dotti
Federico Dotti

Tavolo relatori 18

Mirco Mion
Mirco Mion

Mirco Mion 2

Relatori 2

Tavolo relatori 19

Antonio Piccolo 3
Antonio Piccolo

Saluti

saluti 2

saluti 3

Achille Colombo Clerici, Federico Filippo Oriana
Achille Colombo Clerici, Federico Filippo Oriana

saluti 4

 

Achille Colombo Clerici, Federico Filippo Oriana 2
Achille Colombo Clerici, Federico Filippo Oriana

saluti 5

 

 

 

 

RIFORMA CATASTO – Convegno Assoedilizia Milano 29 aprile 2014 – RELAZIONI svolte nel corso del Convegno

aprile 30, 2014

Relazione Ing. Antonio Iovine:
Relazione Ing. Iovine

Relazione Dott. Antonio Piccolo:
Relazione Dott. Antonio Piccolo

 

 

RIFORMA CATASTO – Convegno Assoedilizia 29.4.2014 – MONITORIMMOBILIARE intervista il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici nel corso del convegno

aprile 30, 2014

RIFORMA CATASTO
Convegno Assoedilizia Milano  29.4.2014

MONITORIMMOBILIARE intervista il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici nel corso del convegno

Link: http://www.youtube.com/watch?v=t7oqni71m9I

Riforma Catasto – Certezza dell’imposizione fiscale alla base della fiducia degli investitori – Milano, Assoedilizia dichiarazione di Achille Colombo Clerici

aprile 28, 2014

A s s o e d i l i z i a
Property Owners Association Milan Italy

Dichiarazione del presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici :

“E’ l’incertezza fiscale che genera sfiducia negli investitori del mercato immobiliare.

Prendiamo ad esempio i fondi.

Se devono programmare un investimento, non si preoccupano tanto di godere o meno di un regime fiscale privilegiato (nella tassazione dei redditi).
Quanto viceversa che il mercato presenti una prospettiva, se non di incremento, almeno di tenuta dei valori.

Se gli investimenti immobiliari del risparmio diffuso sono discriminati e penalizzati il valore immobiliare cala; ma cala per tutti, anche per i fondi.

E’ questa una regola semplice di economia che in Italia non si è ancora capita.

Ecco perché c’è resistenza ad investire nel nostro Paese.

E la revisione del Catasto in corso non contribuirà certamente a generare certezza nella tassazione degli immobili : per anni staremo con il fiato sospeso per vedere come andrà a finire.

Senza, dunque, una clausola di salvaguardia specifica che, al di là dei buoni ma inefficaci propositi dell’invarianza di gettito (con tutti i suoi monitoraggi e correttivi), garantisca il contribuente immobiliare, ligio alle norme, da pesanti inasprimenti della pressione fiscale a suo carico, questa riforma catastale in itinere produrrà immediatamente danni all’economia immobilare, per l’incertezza che genera.”

foto presidente 119

Emergenza abitativa? Cosa fare – Casa Città Società – IL GIORNO, QN, Resto del Carlino, La Nazione – Rubrica di ASSOEDILIZIA Achille Colombo Clerici – Pubblicato il 26 aprile 2014

aprile 28, 2014

A s s o e d i l i z i a
Property Owners Association Milan Italy

 *     *    *

Qualche considerazione generale sul tema di attualità del contratto di locazione a canoni concordati e sulla sua funzione sociale ed economica.

Il testo del Piano-casa del Governo Renzi, per quanto concerne questo aspetto, per ora va bene: ma si tratta di una misura emergenziale.

Per le future decisioni credo si debba tener conto di queste considerazioni.

 *     *     *

Nel nostro ordinamento sono presenti tre canali operativi dell’edilizia, in relazione alle diverse esigenze abitative e socio-economiche ed alle dinamiche espresse dal Paese.

Il canale sovvenzionato (ERP-Edilizia popolare), l’agevolato-convenzionato (cooperative – imprese), ed il canale libero (investimenti privati liberamente gestiti): ciascuno con una sua logica, sue finalità e sue funzioni.

Confondere i differenti campi può essere fuorviante e controproducente.

Dal 1999 il nostro Stato non finanzia più l’edilizia residenziale pubblica (nel canale sovvenzionato-case popolari, c’erano i cosiddetti contributi Gescal); sul fronte del canale convenzionato-agevolato concentra l’attenzione sull’housing sociale, che rappresenta un settore di nicchia con pochi episodi significativi, assai sbandierati ; e sterilizza l’edilizia libera.
Solo il piano Renzi, sia pure timidamente, ha cominciato a rifinanziare interventi di edilizia popolare ( ERP).

Quando noi chiediamo di alleggerire la pressione fiscale sulla locazione libera, come unico modo per rilanciare il mercato, ci sentiamo rispondere che già si sta facendo nei confronti dei contratti agevolati ai sensi della legge 431, che costituiscono un “segmento intermedio tra l’edilizia residenziale pubblica ed il mercato libero”.

Tuttavia, quella di usare il patrimonio edilizio abitativo di proprietà privata, come via maestra per tentare di risolvere i problemi del settore, è un’idea fuorviante.

Anche se si tratta di trovar casa alle “famiglie che presentano una bassa capacità di reddito”, può esser solo una misura d’emergenza: ricordiamo gli effetti nefasti dell’equo canone.

Non certo perché sia errato concedere incentivi fiscali a chi tiene bassi gli affitti (come potrebbe sostenersi una tesi del genere?), ma perché questa logica porta a tenere alta la pressione fiscale su chi non li abbassa.

Ciò al fine di creare quel differenziale di condizioni economico-fiscali, senza il quale non scatta nel proprietario l’interesse a ricorrere a forme di locazione “concordate”.

Cosa che peraltro è sistematicamente avvenuta, ed in modo esponenziale, dalla fine del 2011 in poi: quando il Governo , in un sol colpo, ha moltiplicato i coefficienti catastali, ha raddoppiato l’aliquota dell’Imu ed ha ridotto al lumicino le deduzioni forfetarie dai canoni locativi, per spese di produzione del reddito.

Parallelamente si è introdotta una riduzione progressiva dell’aliquota per la cedolare secca, ma solo per i contratti agevolati.

La misura della defiscalizzazione del contratto agevolato non può esser dunque strutturale, ai fini della soluzione dei problemi abitativi dei meno abbienti e non si correla all’esigenza di rivitalizzare il mercato e l’investimento privato immobiliare.

Essa crea, all’interno del mercato stesso, un’area “depressionaria”: non genera investimenti e non produce gettito fiscale, come viceversa il mercato libero.

Ed inoltre non riguarda neppure tutte le locazioni, ma solo quelle stipulate tra persone fisiche e non per usi commerciali.

Le locazioni commerciali, peraltro, subiscono una pressione fiscale spropositata: e pensare che esse rappresentano una forma indiretta di finanziamento delle attività commerciali (pensiamo alle Start-up).

Ecco il motivo per cui andiamo ripetendo che la cedolare secca dovrebbe estendersi a tutte le locazioni indistintamente ad a tutti i soggetti e che l’aliquota Imu dovrebbe esser dimezzata indistintamente per tutti gli immobili in locazione: com’era d’altronde stabilito nella legge istitutiva del federalismo fiscale municipale.

Si innescherebbe un meccanismo economico-fiscale virtuoso che alla fine, con riferimento a tutti i comparti dell’immobiliare (principali ed indotto), produrrebbe persino un gettito tributario maggiore dell’attuale.

foto presidente 115 

Riforma Catasto Convegno Milano Assoedilizia Federlombarda Edilizia – Con patrocinio de “Il Sole 24 Ore” Milano 29 Aprile 2014

aprile 24, 2014

A s s o e d i l i z i a
e
Federlombarda Edilizia

Con il patrocinio di
Gruppo Sole 24 Ore

CONVEGNO
La Riforma del Catasto

Martedì 29 aprile 2014
Ore 15

Assoedilizia
Via Meravigli 3, Milano – Primo piano

 

Saluto introduttivo
Avv. Achille COLOMBO CLERICI, Presidente Assoedilizia e Federlombarda Edilizia

Moderatore
Dott. Saverio FOSSATI, Il Sole 24 Ore

Coordinatore
Avv. Bruna VANOLI GABARDI

Presenzierà il Direttore dell’Ufficio provinciale di Milano-Territorio Agenzia delle Entrate

Relatori

Ing. Antonio IOVINE, esperto in materia catastale ed estimo “Attuazione della delega governativa alla revisione del catasto fabbricati”
 Notaio Dott. Ugo FRIEDMANN, Collegio Notarile Milano “Rapporti tra valori catastali e transazioni immobiliari”
Geom. Cristiano CREMOLI,  Presidente Collegio Geometri provincia di Milano “Metodi di definizione delle rendite catastali”
Dott. Massimo DE ANGELIS, Assoedilizia “Effetti fiscali della revisione del Catasto”
Dott. Antonio PICCOLO, Assoedilizia “Revisione del catasto e dimore storiche”

Tavola Rotonda 

Avv. Bruna VANOLI GABARDI, Assoedilizia
Avv. Federico Filippo ORIANA,  Amministratore delegato Aspesi
Ing. Flavio TRESOLDI, Ordine degli Ingegneri di Milano
Arch. Enrico VIGANO’, Ordine degli Architetti di Milano
Perito Industriale Edile Federico DOTTI, Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle province di Milano e Lodi

 * * *

La Legge 11 marzo 2014 n. 23 art. 2 ha conferito al Governo la delega ad attuare la revisione del Catasto dei Fabbricati.

L’odierno workshop ha la finalità di promuovere e concretizzare un approfondimento ed una riflessione valutativa sul tema.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti  

Segreteria organizzativa: Assoedilizia, Dott.ssa Nicoletta Enrico tel. 02.885591
email: segreteria@assoedilizia.mi.it

foto presidente 118