Archivio per aprile 2010

Comunicato stampa Assoedilizia: Graffiti selvaggi – Primo maggio – Appello di Assoedilizia contro i graffiti selvaggi

aprile 30, 2010

Appello del Presidente di Assoedilizia ai cittadini partecipanti

 CORTEO DEL I° MAGGIO: ISOLATE GLI IMBRATTATORI

 L’associazione dei proprietari immobiliari richiede inoltre che siano vietate alle manifestazioni le bombolette spray di vernice

 Milano, 30 aprile 2010

 – La manifestazione e il corteo del l° Maggio non siano l’occasione per lo sfogo di facinorosi e di vandali estranei alla loro organizzazione.

 Il Presidente di Assoedilizia avv. Achille Colombo Clerici invita i cittadini che il l° maggio parteciperanno alle manifestazioni pubbliche per la ricorrenza della Festa del Lavoro a non permettere che, nel corso delle stesse, ci siano persone che, con azioni di inciviltà estranee agli intenti celebrativi della ricorrenza, offendano la loro città, imbrattandone i muri e gli arredi con notevole danno, sia per il decoro urbano sia economico per la ripulitura.

 “Il giudizio negativo e di riprovazione di coloro che sfilano legittimamente – afferma Colombo Clerici – è fondamentale per isolare i vandali.

 Cittadini, fate sentire che disapprovate fortemente l’operato di chi usa le bombolette spray contro la città. Fate sentire che vi sta a cuore Milano, patrimonio di tutti e di ciascuno di noi. 
Anche una offesa alla sua immagine è un danno per tutti.” 

All’appello Assoedilizia aggiunge la richiesta che siano vietate durante i cortei le bombolette spray di vernice, così come avviene per altri strumenti atti ad offendere.

Comunicazione Assoedilizia   www.assoedilizia.com

Annunci

Città “Identità e progetto – Milano discute la sua identità” . Dibattito alla Società Umanitaria – Colombo Clerici Assoedilizia

aprile 30, 2010

Intervenendo in data odierna al dibattito sul tema “Identità e progetto” che si tiene alla Società Umanitaria il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha affermato:

“Forse non c’è città al mondo che abbia subito, durante la sua vita, sì profonde e sostanziali trasformazioni socio-economiche e territoriali e parallelamente di identità, come Milano.

Ed i suoi stessi emblemi, nelle diverse epoche, mutano dalla torre della città- stato al campanile della città-comune, dalla ciminiera del periodo industriale al grattacielo della città terziario-amministrativa, per arrivare alla parabola satellitare ed alla torre televisiva della città contemporanea: una città-rete, piattaforma di servizi globali, proiettata nel mondo intero. 

Il pregio di Milano non è nella sua bellezza solo dal punto di vista estetico, ma anche etico/funzionale: nel senso della qualità del vivere che la città offre.
Comunità, ambiente, cultura (conoscenza, socializzazione, lavoro) sono i piani sui quali si deve esplicare il complesso delle offerte che connotano tale qualità: e dunque sono i fattori sui quali si basa la vera identità della città.”

www.assoedilizia.com
www.instat.wordpress.com

Convegno “I palazzi delle muse”, Genova 7-8 maggio 2010

aprile 29, 2010

I PALAZZI DELLE MUSE
La cultura nelle dimore storiche. Dall’antico al contemporaneo

Genova 7-8 maggio 2010 – Palazzo Ducale Sala del Minor Consiglio
Nell’ambito dei Rolli Days 2010

Convegno promosso da ADSI Associazione Dimore Storiche Italiane
In collaborazione con il Garden Club di Genova

 Programma

Dimore aristocratiche come luoghi del dibattito culturale: nel Cinquecento e nell’età barocca a Genova si verifica come il ceto dirigente eserciti, nel palazzo di villa e nella dimora cittadina, la propria magnificenza insieme all’elaborazione di strategie culturali correlate a significative presenze di protagonisti della vicenda intellettuale.

Da un lato il rapporto tra committenti e artisti elabora modelli architettonici, programmi decorativi, raccolte d’arte, dall’altro l’aristocrazia partecipa direttamente al dibattito letterario, alla rappresentazione teatrale, alla produzione musicale, alla nascita di attenzioni scientifiche.

Ancora nell’Ottocento, mutate le condizioni politiche e culturali, il protagonismo di una élite incide nell’attività culturale in questi campi e offre, nel luogo del palazzo e della villa, occasioni di incontro a livello internazionale.

Il Convegno intende ripercorrere le dinamiche di questa operatività culturale, verificare modi di utilizzo di dimore storiche, spazi di decorazione e di giardino, proporre complessi così significativi nel disegno urbano, come segni di una moderna “rinascita” culturale della città. L’iniziativa ha anche l’ambizione di creare una occasione di discussione sul problema di quale possa essere la proposta culturale che oggi parte dai luoghi storici, i caratteri della sua programmazione, le modalità della partecipazione del pubblico, le forme della proposta, i protagonisti – chi fa e progetta cultura e per chi – e quali siano oggi le dinamiche di un piacere intellettuale. Alla città, a Genova, in particolare, dovrà riportare il dibattito e l’esito di un confronto aperto alle istituzioni.

 I lavori, pur in una continuità dei temi tra loro correlati, sono scanditi in tre sessioni.

Nella prima sessione gli interventi spaziano dalla ricostruzione del ruolo storico della dimora aristocratica come luogo di aggregazione intellettuale e produzione artistica, al rapporto tra passato e futuro nell’elaborazione di “strategie” del piacere culturale.

La seconda sessione presenta esperienze italiane e straniere di uso e gestione del patrimonio dei palazzi storici, delle ville, dei giardini e dei parchi pubblici e privati, con particolari modalità innovative sperimentate nel patrimonio pubblico. La tavola rotonda pone a confronto il “sistema” delle dimore storiche e la città moderna, nel quadro di una città che si ri-conosce e si ri-progetta e prevede la partecipazione di esponenti di fondazioni genovesi e di istituzioni pubbliche.

Mattina del 7 maggio ore 9,00

 Saluto del Presidente della Sezione Ligure A.D.S.I. Giovanni Gramatica di Bellagio e della Presidente del Garden Club Genova e Associazione Giardini Italiani Maria Grazia Spinelli

 Saluto delle Autorità:

Claudio Burlando Presidente Regione Liguria
Marta Vincenzi  Sindaco di Genova
Luca Borzani  Presidente Fondazione Palazzo Ducale
Ippolito Calvi di Bergolo  per A.D.S.I. European Union of Historic Houses Association
Achille Colombo Clerici  Presidente di Assoedilizia eVicepresidente Confedilizia
Alberto Beniscelli  Italia Nostra
Franco Monteverde  Centro Culturale La Maona
Anna Daneri Pisano  Associazione Amici dei Musei Liguri
Domingo Tonini  Consulta Regionale F.A.I.

 Ruolo storico delle dimore: le “strategie” del piacere culturale

 ore 10,00         Lauro Magnani  Università degli Studi di Genova, Facoltà di Lettere e Filosofia
ore 10,20         Franco Vazzoler  Università degli Studi di Genova, Facoltà di Lettere e Filosofia
ore 10,40         Osvaldo Raggio   Università degli Studi di Genova, Facoltà di Lettere e Filosofia
ore 11,00         coffee break
ore 11,20         Antonio Foscari  Istituto Universitario di Architettura di Venezia (I.U.A.V.)
ore 11,40         Alessandro De Gloria  Università degli  Studi di Genova, Facoltà di Ingegneria
ore 12,00         Antonio Camurri   Università degli  Studi di Genova, Facoltà di Ingegneria
ore 12,20         Alfonso Assini  Archivio di Stato, Genova
 

Pomeriggio ore 15,00

Esperienze italiane e straniere: uso e gestione del patrimonio dei palazzi storici, delle ville, dei giardini e dei parchi. Modalità e sperimentazioni

 ore 15,00  Francesca Mazzino  Università degli  Studi di Genova, Architettura del Paesaggio
ore 15,20  Michel Racine  Ecole Nationale Supérieure du Paysage, Versailles, Francia
ore 15,40  Caroline Petit  Domaine du Rayol, Conservatoire du Littoral, Rayol-Canadel, Var, Francia
ore 16,00  Renato Balestrino  Attività culturali del Castello e del Parco di Racconigi
ore 16,20  Alessia Bellone  La Venaria Reale, Consorzio di valorizzazione culturale
ore 16,40  coffee break
ore 17,00 Tomaso Riccardi di Netro  La Venaria Reale, Consorzio di valorizzazione culturale
ore 17,20  Farida Simonetti  Galleria di Palazzo Spinola
ore 17,40  Angela Madesani  Storico e critico d’arte contemporanea
ore 18,00  Francesca de Gramatica  Castello Thun, Trento 

Mattina 8 maggio ore 9,00

Comunicare e fare cultura: dal sistema delle dimore storiche al progetto della città contemporanea. Indirizzi per la valorizzazione 

Tavola rotonda

Moderatore  Lauro Magnani
Maurizio Galletti  Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria
Bruno Ciliento  Soprint. Beni Storici e Artistici della Liguria
Paolo Rosa  Studio Azzurro
Massimiliano Floridi  Arti Doria Pamphilj
Paolo Corradi  Fondazione Edoardo Garrone
Silvio Ferrari  Fondazione Carige
Paolo Odone  Camera di Commercio di Genova
Gabriella Airaldi  Direttore Fondazione Regionale per la Cultura e lo Spettacolo
Matteo Fochessati  Fondazione Regionale per la Cultura e lo Spettacolo
Andrea Ranieri  Assessore alla Promozione, Innovazione e Cultura del Comune di Genova
Mario Lolli Ghetti  Direttore Generale Beni Culturali

Comitato organizzativo
Giovanni Gramatica di Bellagio
Teresa D’Albertis Scotti
Paolo Mangiante
Gian Franco Migone
Eugenio Pallestrini
Maria Grazia Spinelli
 
Comitato Scientifico
Giuliana Algeri
Alberto Beniscelli
Bruno Ciliento
Emmina De Negri
Isabella Lagomarsino
Lauro Magnani
Francesca Mazzino
Giorgio Rossini
Giovanna Terminiello

 Con la collaborazione di
Comune di Genova
Università degli Studi di Genova – Facoltà di Architettura – Dip. Polis
Università degli Studi di Genova – Facoltà di Lettere – Dip. Diras
Associazione per il Teatro Stabile di Genova
Associazione Proprietà Edilizia
Associazione Teatro Carlo Felice
Garden Club Genova – Associazione Giardini Italiani
Italia Nostra
Natura e Artificio
Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Genova

Patrocinio
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria
Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici e etnoantropologici della Liguria
Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Liguria
Università degli Studi di Genova
Camera di Commercio di Genova
Comune di Genova
Provincia di Genova
Regione Liguria

 Sponsor
Camera di Commercio di Genova
Martelli Porsenna & Patrone Assicurazioni

 Segreteria del Convegno
ADSI tel. 0039 010 564497  fax 0039 010 593500
e-mail  avv.gramatica@tin.it

INVITO Venezia, Museo Correr – Mostra “Safet Zec. Il potere della pittura” – Inaugurazione sabato 8 maggio 2010

aprile 28, 2010

 

Incontro Identità e progetto – Milano discute la sua identità, 30 aprile 2010

aprile 27, 2010

Panza di Biumo Giuseppe – Cordoglio di Assoedilizia – Colombo Clerici ricorda

aprile 26, 2010

Cordoglio di Assoedilizia, rappresentante del mondo della proprietà immobiliare e delle storiche famiglie borghesi milanesi e lombarde per la scomparsa, ieri sabato 24 aprile, del conte dottor Giuseppe Panza di Biumo, grande collezionista nel campo delle arti figurative contemporenee, padre del consigliere di ASSOEDILIZIA ed A.U. di Assoedilizia Servizi, Alessandro Panza di Biumo.

 Le esequie martedì mattina a Varese, partendo dalla villa di famiglia. 

Il presidente di Assoedilizia Cavaliere di Gran Croce, Avvocato Achille Colombo Clerici, nell’esprimere al figlio Alessandro il cordoglio personale e della Associazione, commenta:

 “La sua passione per le arti figurative contemporanee ne fece uno dei più profondi conoscitori nel mondo intero; maestro, a più generazioni di collezionisti ed art-dealers, di che cosa si possa e si debba fare per scoprire e valorizzare gli artisti che vivono nel nostro tempo.

Già dai primi anni del secondo Dopoguerra volse lo sguardo da Rue de Rivoli e dai Lungosenna alla Fifth Avenue,  ed ai lidi californiani, alla ricerca dei nuovi e moderni confini dell’arte: ed in ciò fu fortemente antesignano, e come tale poco compreso in un paese come il nostro, nel quale regna la cultura della conservazione.

Le opere da lui collezionate oggi campeggiano a centinaia nel Guggenheim di New York e nel Moca di Los Angeles.

Di grande valore la sua collezione personale: nella villa di Varese, donata al FAI, sono ospitate opere figurative immerse in luci dall’effetto essenziale e travalicante i confini della materialità.

E la sua vita ci insegna che l’arte risiede nello spirito, non nella fisicità anche espressiva; e non ha limiti.”

www.instat.wordpress.com

Locazioni commerciali – Negozi spariti a Milano – Colombo Clerici intervistato dal Corriere della Sera

aprile 20, 2010

Intervista rilasciata al Corriere della Sera da Achille Colombo Clerici e riportata sulla edizione del 20 aprile 2010, nell’articolo:

 “Milano. La crisi del commercio: “spariti” 400 negozi in un anno”

Qualcuno sostiene: “La responsabilità di questa situazione è della crisi, ma anche dei proprietari dei negozi che strozzano i loro inquilini con affitti che non tengono conto della situazione attuale del mercato”

Dichiarazione del presidente di Assoedilizia e vice presidente di Confedilizia Achille Colombo Clerici:

“Questi i fattori che incidono sulla misura dei canoni richiesti in sede di negoziazione per il rinnovo o la nuova locazione:

– La durata del rapporto contrattuale di 12 anni che impedisce l’aderenza del canone all’andamento dei cicli economici.

– L’indennità per avviamento commerciale nella misura di 18 mensilità del canone vigente, cioè  del 25% dei canoni percepiti negli ultimi 6 anni; indennità dovuta dal locatore in caso di mancato rinnovo.
Questa indennità, così elevata, tende a  “scaricarsi” sul canoni contrattuali.

– Non va trascurato il fatto che, in caso di subentro ad un precedente esercente, il commerciante paga a quest’ultimo delle buonuscite assai elevate, che, se spalmate in un arco di tempo, costituiscono un vero doppione dell’affitto.

 *          *          *

Non si può immaginare una normativa legata a cicli economici con regole diverse ed opposte a seconda dell’andamento dell’economia.

Occorrerebbe dunque maggiore flessibilità prevedendo o una durata inferiore dei contratti;  o la facoltà di modificazione/aggiornamento dei canoni ad esempio ogni 3-4 anni.”

www.assoedilizia.com